L’INTERURBANA

E no! chisto tuòrto non me lo devi fare!
Tu sarai anche la morte
ma d’a sciòrta mia voglio penzarci j’!

Permetti ca faccio ‘na telefonata?
È un’interurbana! ma è pròpio ‘o càso
ca parlo di persona cu chisto cristo!

Pronto? centralino, mi sente bene?
Bene, bene? Ah, sì! e allora passeme ‘o paraviso
ca voglio chiacchierià co’ Pateterno!

Come non c’è? E addò è ghiuto?
Ah! sta pesànno i peccate d’i muòrte!
Beh, comunque stamme a sentì,
passeme quaccuno chiù abbicìno a Isso…

T’arraccomanno, è urgento, anzi, urgentissimo!
Fa’ amprèssa se nun vuoj ca me ‘ncazzo
e po’ te vàtte cu ‘sta mazza!

Pronto! co chi parlo? Chi? santa checca,
d’o reparto recchie panne?
Ma no! ma no-o-o!!!
passeme ‘o Pateterno! (Ca tan’accidere!)

Pronto, San Pietro? Paolo? Pascàle?
(‘O bello ‘e femmene?), tutti i Sante?
E che facite sciopero? E contro chi?

Ma sì, ma sì guagliù’, ma
V’o vulite situà int’a capa ca chesta telefonata
mi costa assai? Voglio parlà co Pateterno!

Pronto? pronto? ma si’ pròpio ‘o  Pateterno?
E nun te ’ncazzà! Stai tranquillo, calmo, quieto
pecchè, pure a ‘stu munno ce sta ‘o casino!

Che voglio? Pecchè t’agge disturbato?
Che faccio, t’o dico? ‘O vuoj pròpio sapè
pe’ filo e pe’ segno? Nun è ca po’ te sfastidio
e me manne a chisto paese?

A ccà, Patetè’, è arrivata ‘a muòrta,
e dice:-È giunta l’ora e pròpio pecchè
mo piglie a pensione
t’a luvà ‘o vizio ‘e fa colazione!-

Vì’ che fetènta! infama!
All’anima d’o mazzo ca tiene!
Non si vergogna, è pròpio ‘na carogna!
I’ mo a sbudièllo a ‘sta zampògna!

I’ ce l’agge ditto che vi avrei telefonato
e mi sarei messo d’accordo co Signurì…
E mo che faccio? Che gli rispondo?
Chesta è propotente assai!

Patetè’, dimme dì’! Nu’ ve mettite scuòrne
tante simm’ommene appusate
e certe cusarielle c’i putimmo pure dicere,
chiare chiare e tuonno tuonno!

Ah!… i diente?
m’agge accattate ‘na bella dentiera!
Ah!… l’uocchie?
m’agge accattato ‘nu bell’ucchiarino!

Ah! … i capille?
m’agge accattato ‘o parrucchino.
Insomma, mi sono attrezzato,
nu’ me manca niente !

Che peccato però, è un’ingiustizia!
Ma secondo Te, Patetè’, è bello ca i’ mo
lasse tutt’e cose che mi sono acquistato
e me ne vago cu essa a l’atu munno?

Chiùttuòsto, i’, mo m’accìdo,
me lev’a miezo, ma nun c’a riale
chesta soddisfazione
d’ purtarese a chi non vo’!

I’, a piglie a pugne, a càucie, a schiaffòni,
almeno ‘a fernisce, ‘na vota pe’ sèmpe,
de scassareme ‘e ppàlle!

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...