C’P’DDÔN - CIPOLLONE

 

C’pìddôn, c’p’ddôn
ch ffacîv ndó staddôn?
Ch dda jòcca d vaddôn
C'à r’méss lu z’ngôn! **        

C’p’ ddôn r’bbusscjât
méza vóta t’à ll’sscjât,
côm jéssa t’à ddusscjât
jîv tês e si mmusscjât.

C’p’ddôn, còdd mbuss,
tu ci à méss nâs e mmuss.        
Dôp quéddu lìssc’ e bbuss
nn rr’cjûl cchjù ndó luss.

 

 Cipollone, Cipollone
che (ci) facevi nella grande stalla?
Con quella chioccia* di vallone
Ci hai rimesso il capitale!

Cipollone debosciato
ti ha lisciato una mezza volta
come lei ti ha sfiorato
eri teso e (ti) sei ammosciato.

Cipollone, collo bagnato,
tu ci hai messo l'intera faccia.
Dopo quella batosta***
non ti rotoli più nel lusso.

 

*- Nel dialetto sannicandrese la chioccia ha il medesimo significato di troia, puttana, ma con suono meno volgare, più delicatamente espresso.

**- Il termine letteralmente significa pezzo di legno maneggevole, raccolto al naturale, non tagliato, non sgrossato. Ma può significare anche il pene quale capitale naturale visibilmente essenziale per la procreazione.

***- Lìssc'e bbuss è espressione del gergo dei giocatori di carte napoletane, nel Tressètte. Nu lìssc'e bbuss  significa anche una bella batosta nel particolare contesto discorsivo.

 

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...