CUMBÀ PÊR… - COMPARE PERO

 

Cumbà pêr, p’ràzz
c’ magnàva u parròzz,
pròp’t quann St’còzz
li facéva u p’còzz.

Quiddu figghjh d mazz
jètta all’àrja la sd’rràzza.
Pûr quann ca cc’ stròzza
nd n làssa màngh nu stòzz.

M ngazzàva e mm ngàzz
ca rr’spégghjh u palazz.
È nu figghij d còzz
ca nn ppènza a lu p’scròzz.

 

Compare Pero, Perastro
mangiava il "panozzo" integrale
Proprio quando Sticozzi
gli radeva a zero i capelli.

Quel figlio di bastone
butta all'aria il netta zappa
Anche se lui si strozza
non te ne lascia mica un morso.

Mi incazzavo e m'incazzo
da risvegliare il palazzo.
È un figlio di villico
che non pensa al posdomani.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...