CÌPP’RA* E CCURL - CEPPI E RUZZOLE

 

Bbasta parlà
d cìpp’ra e ccurl
ca mm r’cord
u Làr'jh
d P’zz’ vôv,
nnan’z a la Léja. 
 

 Quann
i uagliûn
m sfuttév’n
e dd’cév'n:
tu si mmangîn,
e ppûr crétîn!

Quiddi jév'n
jurn bbèll
e mmamma
m li sunàva
ch lu tacch
d la chjanèlla.

E cquedd, p'cché
ng' vuléva jì 
a  la  scóla.
M nnammuccjàva
dinte ó P'r’tôn
d P’rrôn.

 

Basta parlare
di ceppi e di ruzzole
perché mi ricordo
il Largo
di Pozzo Bove,
davanti alla "Lega dei Contadini".

Quando
i ragazzi
mi sfottevano
dicendo:
tu sei mancino,
ed anche cretino!

Quelli erano
giorni belli
e mamma
me le suonava
con il tacco
della pianella**.

E ciò, perchè
non ci volevo andare
alla scuola.
Mi nascondevo
dentro il Portone
di Perrone. 

 

*- Letterlamente si traduce con ceppi, ma effettivamente indica le due aste di legno fresco (quella corta un palmo circa e appuntita ai due estremi e quella lunga un paio di palmi o poco più), con cui si giocava "a ccìpp'ra".
**- la pianella era una calzatura molto usata da tutte le donne. Era pratica perchè ben calzante al piede, e nello stesso tempo elegante. Si usava in tutte le occasioni di paese, sia dentro che fuori di casa.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...