SCJUSCÈLLA - RAGAZZA BELLA*

 

Uàsc'm mmócca
scjuscèlla mìja,
ca a la mupìja
c’ n'àma jì.

Uàsc'm mmócca
che la frunuscìja,
cóm’ a la festa
d Marìja…

Quedda nn'é stata
n’òp'ra pìja;
jîv gg'lósa
d Lucìja.

Uàsc'm mmócca,
vòjh li grina:
ji t'àia mogne
a la crapina.

Uàsc'm mmócca,
jè tt’rapìja!
Pigghja u z'ngôn
e accósissìja!

 

Baciami in bocca
ragazza bella mia,
che ce ne dobbiamo andare
nei fumi dell'alienazione.

Baciami in bocca
con la frenesia,
come alla festa
di Maria…

Quella non è stata
un'opera pia;
eri gelosa
di Lucia.

Baciami in bocca,
bramo le terga:
io ti devo mungere
alla maniera caprina.

Baciami in bocca,
è terapia!
Prendi il bastone
e così sia!

 

* Qui il termine scjusèlla (zietta) è utilizzato in senso improprio, forse perverso, per indicare la familiarità di cui rivestire la ragazza oggetto dei propri desideri sessuali.

 

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...