U C’R’VÔNE - IL CERVONE

 

Mà ,
quiddu fìgghjh d jòcca,*
d bbóna màmma,
m’à scugnurât !

E ppo’,
ch tand d lénga da fôr,
ca pareva na sèrpa,
m’à  ng’m'ndât…

E, ccôm s nn bbastàss,
c'à spundât la vrachétta
e m’à ffatt v'dé
lu  c’r’vôn.

Jéva accuscì gròss,
tòst, lòngh e ttês,
ca ch scurzàr'lu 
c' à mméss nu mês!

 

Mamma,
quel figlio di puttana,
di buona madre,
mi ha fatto il verso!

E poi,
con tutta la lingua di fuori,
che sembrava un serpe,
mi ha apostrofato malamente.

E, come non bastasse,
si è sbottonato la patta
e mi ha fatto vedere
il cervone.

Era così grosso,
duro, lungo e teso,
che per scorticarlo
ci ha messo un mese!

 

* - letteralmente chioccia.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...