‘U RUSÀR'JH - IL ROSARIO

 

Nùja sîm’ d’ Turîn.
Quann v’dîm’  nu cjavàrr’
c’ lu magnâm’.

Vòbbiss! Vòbbiss!
Sèmb’ n’gûl’ a jjiss!

Nùja sim’ d’ V’nèzja.
Pûr’ ’nda l’àcqua vàsscja
c’ ffucâm’.

Vòbbiss! Vòbbiss!
Sèmb’ n’gûl’ a jjiss!

Nuja sim’ d’ M’lân’.
Quann v’dim ‘nu staccôn
c' la p’gghjâm.

Vòbbiss! Vòbbiss!
Sèmb’  n’gûl’ a jjiss!

Nuia sim’ d’ Bbòlògna.
Quann’ sagghîm sóp'a u pusulât’
p’ nzâm éj vrògn’la.

Vòbbiss! Vòbbiss!
Sèmb’ n’gûl a jjiss!

E  lu sà p'cchė?

P'cchė i nòstr
vann’ sèmb’ ngûl’éj vòstr!

À capît?

 

Noi siamo di Torino.
Quando vediamo un giovane bovino
ce lo mangiamo.

A voi! A voi!
Sempre in danno suo !

Noi siamo di Venezia.
Pure nell'acqua bassa
affoghiamo.

A voi! A voi!
Sempre in danno suo !

Noi siamo di Milano.
Quando vediamo una bella stacca ²
ce la prendiamo.

A voi! A voi! 
Sempre in danno suo !

Noi siamo di Bologna.
Quando saliamo sul soppalco
pensiamo ai bitorzoli. ³

A voi! A voi! 
Sempre in danno suo !

E lo sai perché?

Perché i nostri
vincono sempre sui vostri.4

Hai capito?!

Note: 

¹- modo di dire locale per significare sempre a lui la peggio!
          

²- ragazza avvenente. 

³-  Il soppalco chiuso aveva un ingresso ridotto che, al termine della scala di legno, facilmente poteva indurre a sbattere anche un paio di volte il capo contro qualche asse o trave con immancabili bitorzoli. 

4- espressione di vindice, selvatico gallismo.

 

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...