U TRÓSSC’ - IL TORSOLO

 

Ch ssòrda vasscja,
cchjù d na casscja,
c’ vó nu tróssc’
ch tutt’i frussc’…

P’cché dda rósscja,
ca gnott’a grasscja,
sóp’a la frùsscja ¹
mm tira móssc’.

Ch dda papòsscja,
corta e ttabbósscja,²
soffr’ de tósscja 
pûr P’tóssc’.

Dda ràttacàscja, 
figghia d’ vrascja!
cerca lu tróssc’ tòst
e nnò cquéddu mmóssc’.

 

Per tua sorella bassa,
più di una cassa,
ci vuole un torsolo
comprese le brattee…

Perché quella rossa
che inghiotte in abbondanza
sul morbido
mi tira moscio.

Con quella babuccia
corta e piatta,
soffre di tosse
anche Pitósscio.³

Quella grattugia
figlia di brace!
certa il torsolo duro
e non quello morbido.

 

Note:  
¹- la frùsscja è la massa di brattee di mais che serviva per riempire dei grossi sacchi (i saccûn), cuciti a mo' di materasso, che servivano per rendere morbido il modesto giaciglio di campagna o anche il letto domestico.

²- la tabbòsscja è una chiocciola dal guscio di colore uguale a quello delle lumache (li quacquarûn) ma di taglia piccola. In senso figurato vuol dire  oggetto o persona corta e piatta. 

³- Soprannome locale.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...