I SCÒRCJACÌTL - I SCUOIA-BAMBINI

 

Quann jéva cr'jatûr
mamma d'céva:
nn'asscènn fôr casa
a ffîl d méz'jórn
ca cc' stân
i scòrcjacìtl;
e ji,
ch la paura,
d'vendàva nu mìccûl.

M mettev a cuccia
cóm'e nu cän
e ppó
m’addurméva
fin a qunn u sôl
tuccàva
l’ora quinta d li cingh,
cchiù o mên.

Prima ca mm'néva
la sera e passav
lu vèspr.

 

Quando ero bambino
mia madre diceva:
non uscire fuori di casa
in punta di mezzogiorno
chè ci stanno
i "scuoia-bambini";
e io
per la paura,
diventavo una lenticchia.

Mi mettevo a cuccia
come un cane
e poi
mi addormentavo
fino a quando il sole
toccava
l'ora quinta delle cinque,
più o meno.

Prima che sopraggiungesse
la sera e passasse
il vespro.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...