I CÀL’CÀSS - I BÒTTI FINALI

Sta nòtt i càl’càss

jev’n tal’mènd fort

ca pparév’n cannunât

e i cr’stjan du paês

c tturàv’n i récchjh

ch li mân,

fujév’n  e cchjam'ndàv’n.


Ji stéva durmènn.

Mm sò rr’sp’gghjât

e da la funèstra

v’déva i stell luc'cànd

ca ssc’gnév’n  ndèrra

côm s jjév’n

rasp d’uva sgrac’nat.


I câs tr’màv’n,

i cân bbajàv’n,

i uagljûn fujév’n

chìja da qua e cchìja da ddà,

ch vv'dé e ss’ndìjh i càl’càss.

A la fîn, cchjù d ûn d’céva:

A lu ma-a-a-azz ch bbòtt!


Questa notte, i botti pirotecnici

erano talmente forti

che sembravano cannonate

e la gente del paese,

si otturavano le orecchie

con le mani,

correvano e guardavano.


Io stavo dormendo.

Mi sono svegliato

e dalla finestra

vedevo delle stelle luccicanti

che scendevano a terra

come fossero

grappoli d’uva piluccati.


Le case tremavano,

i cani abbaiavano

i ragazzi correvano

chi di qua e chi di là,

per vedere e sentire i botti.

Alla fine, più di uno diceva:

Acci-i-i-i-denti che colpi!

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...