UFFA! - CHE SCOCCIATURA

Uffa!

Chija si?

Aspìtta ca mm vèst

e t véngh a rrapì.

 

Uhe, bella fé!

Ch vvù a cquest’óra?

Chi t’à cchjamât?

Ch uajacchjôn!

 

Jijh nn m la fid

mangh a pp’ssc’jà,

pòzz p’nzà a tte

ca tt vù cunzulà?

 

E mména Frangì,

ch cchi mm’à p’gghjât!?

Sòngh la Mòrt,

nn vvéngh ngr’fàta.

 

Tu sì nu uàjh,

famm trascì

ca tt’àja purtà

dóva dîch ji.

 

So ttròpp l’ann

ch’a sgubbât.

P’cché mó fa

u scustumât?

 

A fatjât

A mmànga e ddritt.

Jè ff’rnût u tèmb

d’u zómb zumbìtt.

Che noia!

Chi sei?

Aspetti che mi vesto

e vengo ad aprirti.

 

Uhe, bella donna!

Che vuoi a quest’ora?

Chi ti ha chiamato?

Che bel guaio!

 

Io non ce la faccio

nemmeno a pisciare,

posso pensare a te

che ti vuoi consolare?

 

E dai Francesco,

per chi m’hai preso!?

Sono la Morte,

non ho passioni.

 

Tu sei un guaio,

fammi entrare

che devo portarti

dove dico io.

 

Sono troppi gli anni

che hai sgobbato.

Perché adesso fai

lo scostumato?

 

Hai lavorato

a manca e diritta.

Ė finito il tempo

del saltimbanco.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...