LA VIGNA A FFRÓNNA - ALLA VIGNA DI FRÓNNA ¹

V n'àta jì vé - ji nò -

a la vigna a Frónna,

dóva trascît ch'i pîd d l’àuti

e nn’asscît cchiù!


I parènd?

Àv'n vóglja a sburzà

m’liun d prêt e d scjûr…

Tand, sò ssòl’ta spr’cât.


Ddà, quann fa càûd

u sôl nn vv còc’

e mmangh v jlât ch'u fredd,

o v pó culà u z’nzédd!


U v’stit n ng' mbónn

côm u cappèdd,

i scarp e i cavuzétt,

a ss vv li métt’n!


Lu mbrèll nn ssèr'v,

stât gjà r’parât,

da u bbôn e da u bbrutt temb,

ch cchìja l’ha ssaggiât!


Chi môr nn vvé ndrêt.

Quann v'ân mbussât

v n sît jût ch ssèmb.

Ch ffr’catùra!


U cangèdd sta sèmb rapèrt,

da n’ann a nn'àût,

e i ricch, côm e i puvured,

pur lôr sò mên d nend.

Prima o poi ve ne andrete - io no -

alla vigna di Frónna,

dove entrate con i piedi degli altri

e non uscite più!


I parenti?

Hanno voglia a sborsare

milioni in pietre e fiori…

Tanto, sono soldi sprecati.


Lì, quando fa caldo

il sole non vi scotta

e neanche vi gelate per il freddo,

o vi può colare la goccia dal naso!


Il vestito non si bagna

come il cappello,

le scarpe e le calze,

semmai ve le mettono!


L’ombrello non serve

siete già riparati,

dal buono e dal brutto tempo.

per chi l’ha assaggiato!


Chi muore non viene indietro.

Quando vi hanno seppellito

ve ne siete andati per sempre.

Che fregatura!


Il cancello è sempre aperto,

da un anno a l’altro,

e i ricchi, come i poveretti,

pure loro sono meno di niente

¹- Soprannome probabile del proprietario che, a seguito dell''Editto di Saint Cloud, ha venduto la propria vigna al Comune perché ne potesse fare un cimitero secondo le nuove disposizioni di legge. Da cui il detto paesano Jìjh a Frónna (morire, essere portato defunto al cimitero, alla vigna che fu di Frónna.).

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...