LI ST'LLÙCC' - LE STELLINE

Natal, ch'i cr’jatûr d na vóta,

jeva mburtànd.

Lôr, nn vv'dév’n l’ora

ca la mamma li cattàva

li st'llùcc'

ch pp’ccjàr’li quann

nasscéva u Bbamb’nèll.


Puccuât ca cc' stutàv'n súbb’t,

duràv'n nènd.

Dind a ogn st’llùccja

c’ stéva la pr’jezza,

la l’grézza

e la cundandézza.


Ó crà a mméz’jór’n,

sótta ó p’jàtt du patr,

c' m’ttéva na busta chiusa

cu fugliétt ca dd’céva:

Ta', dât ca jè ffesta,

t prumett ca facc'

u bon'cìt’l ch ttutt l’ann,

accumu’nzànn da jòjh.


E quedd, ch sf’ccà

duih o tre ssòl’ta p’cc’n'nn

ch ccattàr’c l'àuti

st'llùcc'

ch la mézanòtt

d Càp’d’ànn,

Natale, per i bambini di una volta,

era importante.

Essi, non vedevano l’ora

che le madre comprasse loro

le stelline

per accenderle allorché

nasceva il Bambinello.


Peccato che si spegnevano subito,

duravano poco.

Dentro ad ogni stellina

c'era l’allegria,

l’allegrezza

e la contentezza.


All'indomani a mezzogiorno,

sotto il piatto del padre

si metteva una busta chiusa

con foglietto che diceva:

Padre, visto che è festa,

ti prometto che faccio

il bravo bambino per tutto l’anno,

cominciando da oggi.


E ciò, per scucirgli

due o tre soldi piccolini

per comprarsi le altre

stelline

per la mezzanotte

di Capodanno

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...