U CIFR - IL LAMPO

Da mar e Ppandân,

arriva u cifr.

U ciel jè nnêr

côm nu caudàr.

 

Pov’r  jòmm’n mìja,

côm àdda fa'

a mm'nì ó pajes

sènza mbrèll?

 

La vìja jè llònga,

ch ttrattûr e ch ccòpp

c' àdda tutt ngulandà

côm e nu pucîn.

 

Addà passà

cu pónd d Scarafôn,

I tufàr, Paparôl

e La Préta scritta.


Dòpp Tarandôn

vé la C’metta,

dôv, ai nôv, canta

la c’ccjuétta.


A l’an’ma du cifr,

côm é ccarògn.

S l’avess a ttîr

u j’nghjéss d vrògn’la.

Dal mare e da Pantano

arriva il lampo.

Il cielo è nero

come un grosso paiolo.

 

Povero il mio uomo,

come farà

a raggiungere il paese

senza ombrello?

 

La strada è lunga,

tra sentieri e colline

si bagnerà completamente

come un pulcino.

 

Dovrà passare

per il ponte di Scarafaggio,

Le tufare, Paparólo

e La Pietra scritta.


Dopo Tarantone

viene la Cimetta

dove, alle nove, canta

la civetta.


All’anima del lampo,

quanto è carogna.

Se l’avessi tra le mani

lo riempirei di bitorzoli.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...