U TRATTÛR - IL SENTIERO

Quann ieva cr’jatûr

ch rr’và Add’rêt a i mura

m n jéva cu trattûr

e ttr’màva d paura.

 

Affrundàva i lupunâr

ca tat'ròss mm rraccundàva.

Fujéva a pp’d’cócchja,

m dulév’n i d’nócchja!

 

Pó’ arr’vàva ó D’pòst,

ch lu scjât gròss.

M pp’nn’r’càva ó trajîn

d cumbà F’rrannîn.

 

Quand jéva sarchjôn,

côm e N’cola

ca str’gghjàva u cavadd

d Nurìcchja Taccôn.

 

C' n’ha pp’gghjat d càûc’

a mmànga e ddritt!

Ddummànna éjh figghjh

d Ròcch Bbómbìtt.

Quando ero bambino

per arrivare "Dietro le mura"

prendevo la via del sentiero

e tremavo dalla paura.

 

Affrontavo i "lupi mannari"

che il nonno mi raccontava.

Correvo veloce,

mi facevano male le ginocchia!

 

Poi arrivavo al "Deposito"

col fiato grosso.

Mi aggrappavo al carretto

del compare Ferrandino.

 

Quanto ero sciocco,

come Nicola

che strigliava il cavallo

di Norina Taccone.

 

Se ne è preso di calci

a manca e a dritta!

Chiedi ai figli

di Rocco Bonfitto

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...