I PRĖÛT - I PRETI

A stu pajês,

i prèût e i mòn’ch

camb’n bbôn

sôp a i spadd di parènd

di mòrt,

ca nn vvên cchjù nd’rêt.


Lôr, ch la scùsa

d li Méss e du pr’jà

ngramb’n sòl’ta

e ppo’ dòpp,

c’ li nnammócc’n

dind a i saccûn.


Ch llazzarûn!

Sò ssècula ca ppìgghj’n

mbàrzja u pòp’l e u Crist

nghiuuât sôp a la Croc’

ch li puccuât d tutt,

mija, tója, nòstr.


Ji quann préjh u S’gnôr

e la Sanda Vérg’na,

rèc’t parôl bbell,

scritt da me, ch ttutt u côr;

ca ssàp’n d’amôr

e ssò frisch côm e sscjûr.


Quann jéva p’cc’nénn,

Tat L’candr,

mm ddummannàva:

Pasqualì, a cchi vu bbên?

E ji r’spunnéva: a Ggésù,

a la Madonna e a tte.


Che ffaûz ca ssò,

sti prèût e mmòn’ch, – Non tutti però.

Pàrl’n d la vigna

du S’gnôr

ma po’ n’sscjûn

la va zzàppa.


In questo paese,

i preti e monaci

vivono bene

sopra le spalle dei parenti

dei morti,

che non vengono più indietro.


Essi, con la scusa

delle Messe e del pregare

acchiappano soldi

e poi dopo,

se li nascondono

dentro i materassi.


Che lazzaroni!

Sono secoli che prendono

in giro il popolo e il Cristo

inchiodato sulla Croce

per i peccati di tutti,

miei, tuoi, nostri.


Io quando prego il Signore

e la Santa Vergine,

recito parole bell

scritte da me, con tutto il cuore;

che sanno d’amore

e sono fresche come fiori.


Da piccolino,

il nonno Nicandro,

mi chiedeva:

Pasqualìno, a chi vuoi bene?

E io rispondevo: a Gesù,

alla Madonna e a te.


Che falsi che sono,

questi preti e monaci, –Non tutti per

Parlano della vigna

del Signore

ma poi nessuno

la va a zappare.


 

Area download dei brani

Cerca nel sito...