MARÌJA D LI VÉRZ - MARIA DELLE VERZE

Bbèlla fé, dóva c’ tróva

la bb’gljétterja?

Mm vòjh accaparrà

nu bb’gljétt

almen u trên, quann mm môr,

m porta d’ritt Mbaravîs

senza abbandunàr’m

a nn’àuta stazjóna.


Marìja d li Verz, ch ccóda!

Stu fatt m fa r’curdà

l’ut’ma guerra, quann

tât jeva a pp’gghjà

u pân ch la tèss’ra

accàta u putucâr, ca c’ nd’nneva

Nzàccachjuuìtt e jabb’tava

sôp Sand Martîn.


Ma vidé ch uuàjh!

P’cché c’ vó u passaport!?

Ji nn m’aja f’rmà

né ó Mbèrn

e nné ó Pr’jatòr’jh;

Ggésù, ddu bèll ggjóv’n, m’aspett n’gêl

dóva mm fa dic’. ó mass’m,

dujh o tre pr’jêr e po’ m’assòlv.


Signora, dove si trova

la biglietteria?

Mi voglio assicurare

un biglietto

cosicché il treno, quando io muoio,

mi porta diritto in Paradiso

senza abbandonarmi

in un’altra stazione


Maria delle Verze, che coda!

Questa situazione mi ricorda

l’ultima guerra, quando

papà andava a prendere

il pane con la tessera

dal bottegaio, che veniva chiamato

Insaccachjodini* e abitava

su San Martino


Ma guarda che guaio!

Perché ci vuole il passaporto!?

Io non devo fermarmi

né all’Inferno

e né al Purgatorio

Gesù, quel bel giovane, mi aspetta in cielo

dove mi fa recitare, al massimo

due o tre preghiere e poi mi assolve.


* - Traduzione: Infiggi-chiodini


 

Area download dei brani

Cerca nel sito...