SAND’ANDÔN - SANT’ANDONE

A la fèsta

d Sand’Andôn,

quann u jórn

c llonga n’ora,

i quatrâr

e i quatrasc’cûn

app’cc’n i fôch

ch li z’ngûn.


Lu prófûm

di fâv jasc’cât,

ch mme c’ send

all’Ingarân.

U crast’l’jà…

ch cumbagnìja,

I dènd tója

sò ccôm e i mija.


Savastjân

ch bbèll uagliôn,

t cchjamend

côm u S’gnôr.

Ma Sand Bbrâs

córt d nâs,

cchiù ch ngagnât

è ngiamurjât.


Alla festa

di Sant’Antone,

quando il giorno

si allunga di un’ora

i ragazzi

e ragazzini

accendono i fuochi

con i pezzi di legni.


Il profumo

delle fave abbrustolite,

per me si sente

sull’Ingarano. *

Il masticare rumoroso

che compagnia,

i denti tuoi

sono come i miei,


Sebastiano

che bel giovane,

che compagnia,

ti guarda

come il Signore.

Ma San Biagio

corto di naso,

più che sdegnato

è raffreddato.


* passaggio a livello tra San Nicandro G. ed Apricena.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...