U SÓRGG - IL TOPO

S vu p’gghjà u sórgg’ vîv

nn na mėtt la tagghjola

ma u mastrill

ch na zénna d casc o lard

p’cché, dôp n’óretta

t lu trûv dint ddà

ch sc’câm, chjàgn e dic’

ch tutt u sciat ch tte ngòrp:

Mààà!!! Jànn’m râp,

nn m facenn murì!


Jiss, scafajât e cannarût

nn c’accundènd d rang’cà

fasciôl e ràn’rinijh,

no, vo la rrobba fina

côm u càsc’cavàdd,

u pân, u pr’sùtt staggjunât;

la muscisc’ca d pècura,

la r’cotta nda la fusscèdda,

u pruulôn, la ciambella dôc

e macâr, u r’sòr’jh ch tuzzulà.


Se vuoi prendere il topo vivo

non devi azionare la tagliola

ma la trappola

con in po’ di formaggio o lardo

perché, dopo un’oretta

te lo trovi dentro là

che si lamenta, piange e dice

con tutto il fiato che ha in corpo:

Mààà!!! Vienimi ad aprire,

non farmi morire.


Lui, mangione e goloso

non si accontenta di ruder

fagioli e granoturco;

no, vuole la roba buona

come il caciocavallo,

il pane, il prosciutto stagionato;

la carne essiccata di pecora

recipiente composto da giunchi

il provolone, la ciambella dolc

e magari, il rosolio per brindare


 

Area download dei brani

Cerca nel sito...