LA BBORZA E STIGGHJH - LA BORSA E GLI ATTREZZI

Jè f’rnût u tèmb

d quann chjamâv

u mèd’ch

ch na vìs’ta e jiss

fujéva

a pp’d’cócchja,

ch la bbòrza

e li stigghjh du mestiêr!


F’vur’t, ca mmó

n ng’ mòv mangh s ttu

u vu  pajà

ch’i sòl’ta ndurât;

e cquest ch ccolpa

du Guv’rnatôr  - Dic’ jiss -

ca c’ fa sp’dì i m’d’cîn

cu condagocc’.


Sand L’candr

d sp’dal n nn té

e u malât, cumbrês mugghjèr’ma

ca nn ppo’ cam’nà

chi pid sôja,

apprim adda tal’funà

a l’ambulànza

e ppo’ c’r’cov’ra dova vo.


Scùs’m, Dottò,

ma queddu mascjôn,

cchjamât Sand Raffaêl,

v’cîn a la stazjona,

a cche ssèrv?

Ch mme jè l’and’càmm’ra

d’ ll’Àlb’ r pézzût…

Sì d’àccòrd!?

È finito il tempo

di quando chiamavi

il medico

per una visita e lui

correva

a galoppo,

con la borsa

e gli attrezzi del mestiere!


Figurati che adesso

non si muove neanche se tu

lo vuoi pagare

con i soldi indorati;

e questo per colpa

del Governatore  - Dice lui -

che ci fa prescrivere le medicine

col contagocce.


San Nicandr

di ospedale non ne ha

e il malato, compresa mia moglie

che non può cammina

con i piedi suoi,

deve prima telefonare

all’ambulanza

e poi si potrà ricoverare dove vorrà.


Scusami, Dottò,

ma quel ricovero,

chiamato San Raffaele,

vicino alla stazione,

a cosa serve?

Per me è l’anticamera

dell’Albero a punta…

Sei d’accordo!?

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...