MUCC’ CH E FUJE - MORDI E FUGGI

L’art

du mucc’ch e fuje

è nu mbrògghja-mbrògghjh.

Nn f’nisc’

d sbrugghja nu fatt

c’accuminz nàut,


Ajîr,

Custandîn

mm’a ditt

tand d quiddi côs

ca a la fîn

ne capit nend.


Cquédda

vócca senza dent

u facev parlà côm nu mût

e u dialett, strett pajsân,

sunàva côm na “quartàra”

ca c sduacava.


 

I dent

so n’c’ssarie

ma Ndîn

n c’ mett mocca

la d’ndera

p mancanza d sol’ta.

L’arte

del mordi e fuggi

è un imbroglio nell’imbroglio.

Non finisce,

di sbrogliare un fatto

che incominci un’altro.


Ieri,

Costantino,

mi hai detto

tante di quelle cose

che alla fine

non ho capito niente.


Quella

bocca senza denti

lo faceva parlare come un muto

e il dialetto, stretto paesano,

“recipiente di terracotta per tenere l’acqua in fresco”

che si svuotava.


I denti

sono necessari

ma Costantino

non si mette in bocca

la dentiera

per mancanza di soldi.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...