GGESÙ - GESÙ

Ggesù,

mó’ pinz’c’ Tu

p’cché, ng’ la facc’

prop’t cchjù!


Jè mmòrt u cjucc’,

nn trôv u pòrc’.

Nn ttengh na lira

nda la saccòccja.


T’néva na casa,

nu mêz pagghjâr,

ca cquànn chjuuéva

mm r’paràva.  -Jòjh nn cchjiù.  -


All’àutu jîr

ch cqueddu fredd

jè ppûr sfasscjàta

la bb’c’clétta.


All’àn’ma du cjucc’

e cquedda du pòrc’.

Stu nzallanût

è ppan’còtt.


Gesù,

adesso pensaci Tu

perché non ce la faccio

proprio più!


E’ morto l’asino,

non trovo il maiale.

Non ho una lira

nella tasca.


Avevo una casa,

un messo pagliaio,

che quando pioveva

mi riparava.  – Oggi non più. -


L’altro ieri

con quel freddo

è anche rotta

la bicicletta.


A l’anima dell’asino

e quella del maiale

Questo intontito

è pane-cotto.


 

Area download dei brani

Cerca nel sito...