CCHJÙ CCÎM CA FFRÓNN - PIÙ CIME CHE FOGLIE

V’ngè, a ttùcc’ tója,

dâmm nu chîl

d cîm d râp: - cchjù ccîm ca ffrónn. -

P’cché  jòjh,

mm vójh còc’ nu bbèll

p’jàtt d râp

ch’i r’cchj’tèll;

accôm li fa scjuscèlla

e ppûr l’àti fémm’n

d’u pajês.


E ggià ca tt trûv,

dì a “Ccó”,   - accôm la chjâm tu, -

ca m métt

dind a la bbòrza d la spésa

dujh patànn gròss,

na ccjambâta e cchjù

d lambascjûn,

nu djaulicchjh róssc’

e ppó’, dôp,

a u vîn c’ pènz ji!

Vincenzo, a zio tuo,

dammi un chilo

di cime di rape: - più cime che foglie. -

Perché, oggi,

mi voglio cucinare un bel

piatto di rape

con le orecchiette;

come li fa la zia

e pure le altre donne

del paese.


E già che ti trovi,

di’ a Costantina, - come la chiami tu, -

che mi metta

dentro la borsa della spesa

due patate grosse,

una manciata e più

di cipollacci,

un peperoncino rosso

e poi, dopo,

al vino ci penso io!

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...