U MÂR - IL MARE

U mâr è u nostr,

tója e mmija.

Truvâm’c’ angóra

bèdda mija.


Quann t mbunn

d’acqua salata,

u sôl t jàrd

cjòcca, pîd e spàdd.


U mâr è u nostr,

nn ssôl mija.

Facim’c’ passà

questa mupija.


Méh, jànn’t màgna

stu jaddùcc’.

Côm fa jessa,

cummâr F’lùccia.


U mâr è u nostr,

jè ppûr u tója.

Pìgghja la vija

ca ppòrta a Mmója.

 

 

L’acqua chjàra

pâr v’llût,

côm e ll’òcchjh nîr

d chi jé mm’nût.

Il mare è il nostro,

tuo e mio.

Troviamoci ancora

bella mia.


Quando ti bagni

d’acqua salata,

il sole ti brucia

testa, piedi e spalle.


Il mare è il nostro,

non solo mio.

Facciamoci passare

questa pazzia.


Dai, vieniti a mangiare

questo galletto.

come fa lei,

comare Raffaeluccia.


Il mare è il nostro,

è anche il tuo.

Prendi la via

che porta a Moia.  (Località, dell’ex principe.)


L’acqua chiara

sembra velluto,

come gli occhi neri

di chi è venuto.

 

Area download dei brani

Cerca nel sito...