U SÔL D L’AVV’Nİ - IL SOLE DELL’AVVENIRE

Je f’nût u tèmb d quann

Raffaêl Pénna,

Segrêtarjh d la Léja,

ann Mill’nov’cènd’cinquanda

du Sècûl passât, c’ facéva sunnà

u “sôl d l’avv’nìjh”

ca nn’é mmajh m’nût

e mangh vé,

com jjiss u vuléva,

u p’nzava,

a quiddi temb ca ji jéva

nu quatrasc’côn!


N sò ppassât d mîs e ann

prima ca i pastûr,

uard’jân di bèstjh

sôp a li mundàgn,

c’ chj’câv’n a zzappà

ddà réna d mâr,

ch ttènn quiddi câs

ca mmó par’n palazz

e c’ r’pàr’n da u sôl cucènd,

da u chiòv’t, da frédd e vènd,

ca cquann scjusscjàva e ssciùsscja

ffa f’sc’cà

i cann e i cannùcc’

du canâl du Sc’cappâr!


Quisti rr’còrd lundân,

mó ca cc’ pènz,

m fân m’nìjh u vótacêl

p’cché, a quiddi tèmb d la puurtà,

Raffaêl nn vvuléva ca rr’vàmm

ó Duj’mila accôm dic

la canzôn d Pasquâl Palmiêr:

Crist c’é f’rmatt

ndà la chianùra;

e quest, ch nn pung’car’c’ i pîd

ch li spîn d li fìcurarìnja,

e d li vucàca cchjù d tutt.

E’ passato il tempo di quando

Raffaele Penna,

Segretario della CGIL,

anno Millenovecentocinquanta,

del Secolo passato, ci faceva sognare

il sole dell’avvenire

che non è mai venuto

e nemmeno viene,

come lui lo voleva,

lo pensava,

a quei tempi in cui io ero

un ragazzotto!


Ne sono passati di mesi e anni

prima che i pastori,

guardiani di animali

sopra le montagne,

si piegavano a zappare

quella sabbia di mare,

per costruire quelle case

che adesso sembrano palazzi

e ci riparano dal sole cocente,

dalla pioggia, il freddo e vento

che quando soffiava e soffia

fa fischiare

le canne e cannucce

del canale lo Schiapparo!


Questi ricordi lontani.

adesso che ci penso,

mi fanno venire il capogiro

perché, a quei tempi della povertà,

Raffaele non voleva che arrivammo

al Duemila come dice

la canzone di Pasquale Palmieri:

Cristo si è fermato

nella pianura;

e questo, per non pungersi i piedi

con le spine del fico d’india

e delle marruche più di tutto.
 

Area download dei brani

Cerca nel sito...